SPORT E POSTURA
Scritto da Andrea Tolomei   

 

 

“Prima di partire per un lungo viaggio è necessario controllare sempre lo stato di salute della nostra auto .”

Sarebbe opportuno sottoporla ad un accurato controllo dell’olio, dei pneumatici e cosi via……….

La stessa cosa dovrebbe in realtà accadere per il nostro corpo per lo meno ogni volta che ci accingiamo a compiere una attività sportiva sia che essa sia a livello dilettantistico o a livello agonistico.

Purtroppo ciò non avviene e puntualmente ci troviamo di fronte persone che devono interrompere le loro sedute di allenamento a causa di frequenti dolori muscolo osteo – articolari.

Secondo le più recenti ricerche e statistiche oltre l’80 % della popolazione mondiale soffre di dolori muscolo articolari (Nachemson) ed al primo posto troviamo il classico mal di schiena.

Come è possibile che il nostro corpo strutturato biologicamente e strutturalmente per funzionare almeno 120 anni all’età di 30 40 anni lanci segnali di disagi, problemi e difficoltà ?

Vanno analizzati vari fattori che compromettono il nostro assetto posturale.

Innanzi tutto lo stile di vita che conduciamo che è assai frenetico fa si che il nostro cervello a causa di incessanti stimoli negativi quali preoccupazioni,ansie,debba rispondere ininterrottamente a stimoli alti e forti creando un aumento di tono ed eccitazione del sistema neuro endocrino muscolare.

Questa situazione cronica porta ad una alterazione di tutti gli apparati e verso una malattia del nostro sistema nervoso e endocrinologico.

Nessuno inoltre considera spesso per mancanza di una corretta informazione come i nostri dolori muscolo scheletrici possono essere causati da una mal occlusione dentale e da un cattivo funzionamento dell’articolazione temporo – mandibolare.

Nessuno considera come un cattivo funzionamento dei muscoli oculari possano causare problematiche muscolo scheletriche.

Inoltre,quanti di noi riflettono sul fatto che il nostro cuore,diaframma,stomaco,arterie e vene sono costituiti essenzialmente da tessuto muscolare la cui integrità e tensione è affidata al Sistema Nervoso.

Tutte questa tensioni eccessive causano inevitabilmente un’alterazione del sistema muscolo scheletrico trasformandolo in un sistema fragile e debole.

Verrà compromessa la nostra postura e i dolori prima o poi compariranno.

Da queste prime considerazioni emerge come la postura sia un argomento complesso che è logico riassumere in questa stupenda definizione:

La nostra postura è espressione della nostra storia.

…….La postura è espressione di un vissuto ereditario,di un vissuto personale,della formazione e deformazione culturale,di memorie dei propri traumi fisici ed emotivi (cisti emotivi),del tipo di vita e di stress che conduciamo,del tipo di lavoro e di sport a cui siamo assoggettati nel tempo;postura è il modo in cui respiriamo,il modo in cui stiamo in piedi,ci atteggiamo e ci rapportiamo con noi stessi e con gli altri”(Raggi,1998)

Quali possono essere i consigli per cambiare questa situazione altamente negativa e invertire la rotta?

·         Modificare il nostro stile di vita

·         Essere informati su come fare esercizi di rieducazione posturale per riequilibrare le nostre tensioni o meglio gli eccessi di tensione

·         Sapere qual è lo sport ideale da praticare tenendo conto delle proprie problematiche muscolari e osteo articolari

 

Al riguardo la corsa non è adatta per  coloro che hanno problemi ai piedi,artrosi alle ginocchia alle anche e ancor più se si hanno protrusioni discali o ernie; ogni sobbalzo si ripercuote sulle articolazioni che andranno incontro inevitabilmente ad un peggioramento.

Molto spesso a quelle persone che presentano problematiche muscolo scheletriche viene consigliato di tonificare la muscolatura.

Che cosa significa tonificare?

Comunemente quando si parla di tonificazione si pensa voglia dire aumentare il volume dei muscoli i quali diventano più grossi più sostenuti forti e dinamici.

Scientificamente significa invece aumentare la tensione già esistente a scapito dell’elasticità.

Basterebbe osservare il comportamento del gatto che è l’animale più elastico in natura.

Il gatto ogni giorno si stira regolarmente,fa stretching in modo che possa mantenere una buona funzionalità ed elasticità condizioni essenziali per cacciare il cibo e sopravvivere.

Se la natura ci insegna il valore dell’elasticità perché ancora nel 2010 di fronte a dolori muscolari e articolari prevale l’antica abitudine di consigliare il potenziamento muscolare?

Spesso con il mal di schiena viene consigliato di tonificare la zona lombare e gli addominali niente di più sbagliato.

Ormai è noto come gli accumuli di tensione eccessiva nel tempo portano gli stessi muscoli a fissarsi in posizione più corta rispetto all’ideale e dunque a diventare corti e retratti.

Un muscolo retratto è un muscolo troppo tonico.

Quando un muscolo diviene più corto determina inevitabilmente una compressione eccessiva a livello delle articolazioni portando a delle coattazioni articolari.

Va tenuto conto che un muscolo corto non solo andrà a disturbare l’articolazione direttamente coinvolta ma per effetto delle catene muscolari che collegano l’intero corpo disturberà anche altre articolazioni creando disagio e dolore.

Quindi se solo un anello(muscolo) della catena sarà più corto l’intera catena muscolare sarà più corta creando disturbi e dolori in diverse zone del corpo.

Si innesca un effetto a catena che fa si che l’effetto (zona iper) è lontana dalla causa originaria (zona ipo).

E’noto ormai come la maggioranza delle patologie osteo muscolari è legata proprio al meccanismo delle tensioni e delle retrazioni muscolari che attraverso le catene muscolari scaricano il loro effetto sulle articolazioni causando:tendinite,miositi,borsiti,capsuliti,cervicalgie,lombalgie e sciatalgie,periartriti,ernie discali,ernie jatali,iperlordosi,ipercifosi,rotazioni assiali di un capo articolare,alterazioni posturali fino ad arrivare a processi degenerativi delle articolazioni quale l’artrosi.

La prima azione corretta da fare è quella di un attento esame posturale e alcuni test che ci evidenziano il grado di rigidità delle varie articolazioni e quali di queste risultano più compromesse.

Attraverso particolari strumentazioni (pedana baropodometrica,stabilometrica,scoliosometro,foto di riferimento) possiamo fare emergere quelli che sono i vizi posturali del paziente prima del trattamento e confrontare i dati iniziali con quelli finali.

Successivamente possiamo intervenire con una metodica innovativa:

ALLUNGAMENTO MUSCOLARE GLOBALE DECOMPENSATO (AMGD)

Si tratta di una metodologia che agisce in globalità andando alla ricerca della causa.

Attraverso questa innovativa metodica possiamo realizzare un comodo e semplice stretching posturale e bilanciare le tensioni delle catene muscolari (responsabili come abbiamo detto delle alterazioni posturali) ottenendo un benessere osteo – muscolo- articolare.

Si assumono posture particolari grazie alle quali si riesce ad agire simultaneamente in ogni punto delle catene muscolari,fasciali e connettivali liberando le articolazioni imprigionate da muscoli corti e retratti.

Questa metodica prevede il costante utilizzo di tecniche respiratorie a supporto di modificazione della postura.

L’attrezzo utilizzato Pancafit ®consente di sfruttare la gravità attraverso numerosi esercizi e posture.

Attraverso l’ALLUNGAMENTO MUSCOLARE GLOBALE DECOMPENSATO è possibile (è stato dimostrato attraverso ricerche scientifiche all’Università La Sapienza di Roma) restituire elasticità ai nostri muscoli e di conseguenza alle articolazioni consentendo un corretto riallineamento dell’intera postura sinonimo di benessere e funzionalità.(www.pancafit.net)

Ecco 6 validi motivi per utilizzare questa innovativa metodica:

  • Pancafit® riallunga i muscoli tesi o retratti attraverso un lavoro simmetrico e globale e riuscirete ad allungare e a rilassare quei muscoli (responsabili di vari disturbi) che non siete mai riuscire a coinvolgere fino ad ora
  • Ogni volta che si usa pancafit® il corpo assume una posizione ed un atteggiamento immediatamente più corretto:vi sentirete subito decisamente più dritti e più alti
  • Allentando le tensioni muscolari,le articolazioni saranno meno bloccate e più libere di muoversi con meno problemi
  • Ogni esercizio fatto su Pancafit ®coinvolge il diaframma,migliorando la respirazione
  • Allentando la tensione di alcuni muscoli con Pancafit® anche la circolazione venosa e linfatica ne trarrà benefici
  • Laddove diminuiscono le tensioni muscolari e gli acciacchi,si instaura una situazione di armonia,di maggior benessere,di voglia di muoversi e di affrontare meglio la vita.

               

             

 

          

 

                

 

       foto di proprietà di  POSTURALMED GMBH

 

 

Concludendo possiamo affermare:

“prima di intraprendere qualsiasi attività  fisica (anche la marcia e la corsa) è necessario anteporre una attenta valutazione posturale utile a capire quale attività risulta più idonea alla postura dell’atleta e se deve anteporvi un ciclo di sedute di Rieducazione Posturale.

Lo sport potenzia ogni condizione fisica che esiste,la rieducazione posturale che dovrebbe precedere lo sport,ha invece il nobile scopo di allineare ,correggere e raddrizzare le parti del corpo non corrette”

Quindi il consiglio è questo:

“prima di partire controllare sempre la macchina!!!

Buon viaggio.!!!